Creating filtered version of banner image.

Darkroom Magazine reviews 'The Unquiet Grave' (English & Italian)

Darkroom Magazine reviews 'The Unquiet Grave'

by Roberto Alessandro Filippozzi
11 May 2010

The name of George Pappas, a Melbourne musician active in various bands since 1977, is inextricably linked to 'Real Life', the Australian synthpop legend known worldwide for evergreen hits like 'Send Me An Angel' (covered by various artists) and 'Catch Me I'm Falling'.

Our man, still linked to Real Life (but no longer as a live keyboardist, a position he held for nearly a decade), has always kept a channel open for his flair as a composer and this took form in 2008 under the moniker 'Alien Skin' with the album "Don't Open Till Doomsday", released by the ever discerning 'A Different Drum' (who wisely, as a Label, continues to support the Australian musician, after similar support to Real Life for their 2004 album "Imperfection").

Pappas, with his debut album, clearly demonstrated his virtues as a composer of very intimate synthpop, minimal, elegant, elusive, nocturnal, chilly yet "embracing" and capable of warming one's heart. These virtues, now refined even further, find new (dark) splendor in the eleven gems that make up the new album, "The Unquiet Grave". An even more elegant, personal and meditated approach gives life to songs perfect in their form, divinely arranged, interpreted with unusual passion and "kissed" by significantly better production that enhances every element of this excellent mix of sounds.

George is very close, from a vocal point of view, to Martin Gore, of Depeche Mode, at his best. Pappas is the sole artist of his creations and his haunting and passionate voice caresses each of the episodes that make up the new album. Every single track deserves mention, given the quality and the pathos infused in each of them, but what strikes the listener most are sublime moments like the opening title-track (wonderful, traditional fourteenth century folk music, revisited by George in such a divine way), the beautiful 'This Isolation' (really worthy of the best Martin Gore), the sweet 'Dirty Kisses (A Vampire Love Story)', the delicate and elusive 'Emily', the passionate 'After The Funeral' (chosen as the first single), the beautifully grey 'The Birthday Party' (just perfect) and 'Bleed' so touching that it makes you shiver before listening to the very tender and "sunnier" love song 'If', which closes the album with a light and balanced note of sweetness.

Alien Skin's magical and dark sounds are forged together with a pulsating beatwork that is simultaneously gentle and controlled, achieved by using his experience, crystalline class, great sensitivity and illuminated by the most important divinities of electronic music (don't miss his "History of Electronic Music" on the official Alien Skin website). "The Unquiet Grave" is a work of enormous value that becomes a must for fans of refined, passionate, profound and melancholic synthpop. In our humble opinion, it is a true jewel and, to quote its creator, "A kaleidoscope of electronic melancholia".

[Thank you Frank Spurio for the English translation from Italian]


Darkroom Magazine reviews 'The Unquiet Grave' (Italian)

by Roberto Alessandro Filippozzi
11 May 2010

Il nome di George Pappas, musicista di Melbourne attivo sin dal 1977 in svariate formazioni, è indissolubilmente legato ai Real Life, leggenda synthpop australiana nota in tutto il mondo per intramontabili hit come "Send Me An Angel" (ripresa da svariati act del nostro settore) e "Catch Me I'm Falling".

Il Nostro, ancora legato ai Real Life (ma non più in qualità di tastierista live, ruolo che ha ricoperto per circa un decennio), ha però sempre tenuto aperto un canale per il proprio estro compositivo, che nel 2008 è stato concretizzato sotto il moniker Alien Skin, e segnatamente con l'album "Don't Open Till Doomsday", patrocinato dalla sempre attenta A Different Drum (che continua saggiamente a dare asilo al musicista australiano, dopo averlo offerto agli stessi Real Life per l'album del 2004 "Imperfection").

Se già col debut di cui sopra le doti compositive di Pappas erano state ampiamente evidenziate attraverso un synthpop fortemente intimo, minimale, raffinato, sfuggente, notturno, freddo eppure avvolgente e capace di scaldare il cuore, l'affinamento delle medesime trova oggi nuovo (oscuro) splendore fra le undici gemme che compongono il nuovissimo "The Unquiet Grave": un approccio ancor più elegante, personale e ricercato dà vita a canzoni formalmente perfette, divinamente arrangiate ed interpretate con una passione davvero fuori dal comune, oltre che baciate da una produzione nettamente migliorata e capace di esaltare pienamente ogni elemento del riuscito mix sonoro ideato dal Nostro.

Molto vicino, vocalmente parlando, al Martin Gore più ispirato, George è il protagonista assoluto della sua creazione artistica, e la sua ammaliante e passionale voce bacia ognuno degli episodi che compongono il nuovo album. Ogni singolo brano meriterebbe menzione, vista la qualità ed il pathos infuso in ognuno di essi, ma a colpire sono soprattutto momenti sublimi come l'iniziale title-track (meraviglioso traditional folk del secolo XIV riletto in maniera divina da George), la stupenda "This Isolation" (davvero degna del miglior Martin Gore), la dolce "Dirty Kisses (A Vampire Love Story)", la delicata e sfuggente "Emily", l'appassionata "After The Funeral" (scelta come singolo apripista), la splendidamente grigia "The Birthday Party" (semplicemente perfetta) ed una "Bleed" così toccante da dare i brividi, prima che la dolcissima e più solare love-song "If" chiuda l'opera con più 'zucchero', senza però scadere nel mieloso.

Suoni magicamente oscuri che Pappas plasma attraverso un beatwork pulsante ma gentile e controllato, con l'esperienza e la classe cristallina che gli competono e con grande sensibilità, illuminato dai più importanti numi tutelari della storia della musica elettronica (la cronistoria sul sito ufficiale è da non perdere), per un'opera di enorme pregio che non può davvero mancare agli estimatori del synthpop più raffinato, passionale, profondo e malinconico. "Un caleidoscopio di melanconia elettronica", per dirla con le parole del suo creatore; un vero gioiello, secondo il nostro modesto parere.

Read original article here

< Back